avvocati-divorzio
Divorzio a distanza: ora possibile senza spostarsi da casa
07/12/2016
separazione-consensuale
Pagamento assegno al figlio maggiorenne
28/12/2016

Separazioni e divorzi flash a Roma e provincia

avvocati-separazione

Separazioni e divorzi flash a Roma e provincia

A volte le riforme funzionano veramente, anche troppo. E’ il caso di quella sul Divorzio breve o meglio quelle che consentono ai coniugi di conseguire la separazione od il divorzio firmando solo davanti agli avvocati. Ormai infatti i maggiori Tribunali italiani sono particolarmente tempestivi nell’autorizzare il divorzio o la separazione secondo la suddetta riforma, talvolta rispettando di molto il termine di legge dei 10 giorni.

E’ noto che a Milano od a Bergamo od a Monza, così come a Torino o Bologna o Brescia o Genova le Procure che ritengono congruo o formalmente regolare l’accordo di separazione o di divorzio nell’arco di 5/7 giorni comunicano agli avvocati l’intervenuta autorizzazione, il che significa che i coniugi possono considerarsi separati o divorziati a distanza di una sola settimana dal momento che hanno firmato le carte avanti gli avvocati.

Da ultimo però stupiscono i Tribunali romani che a distanza di 24/48 ore autorizzano la richiesta separazione o di divorzio. Anzi vale la pena segnalare una situazione da record per efficienza e celerità laddove gli avvocati  dello studio Ornato operativi su Roma e provincia hanno depositano in Procura a Civitavecchia un accordo di separazione con figli minori in data 01.12.16 e nel pomeriggio dello stesso giorno hanno ricevuto via pec comunicazione dell’avvenuta autorizzazione.

Non v’è dubbio che trattasi di un fiore all’occhiello non solo per i nostri avvocati ma anche per la giustizia civile italiana che pertanto è doveroso porre in evidenza.

Quindi oggi in caso di separazione o divorzio congiunto sussiste una ragione in più per procedere mediante la negoziazione assistita degli avvocati e per diffidare di quegli avvocati che ad esempio dicono che è meglio la procedura tradizionale (almeno 6/9 mesi per la fissazione di un’udienza!) e che poi spesso, dopo avere deliberatamente raggirato o meglio non correttamente informato i coniugi, hanno anche il coraggio di presentare una parcella a dir poco “salata”.

Separati&Divorzia