Assegno di mantenimento: distinzione tra spese ordinarie e spese straordinarie

1 coppia su 5 in Italia è separata in casa
In caso di separazione il genitore è tenuto all’assegno di mantenimento al figlio anche se questi ha deciso di non frequentarlo
09/04/2019
Separazione e Divorzio BREVE, Facile e Veloce
Rifiuto del coniuge non affidatario di rimborsare le spese per il figlio
09/04/2019

Assegno di mantenimento: distinzione tra spese ordinarie e spese straordinarie

avvocati-divorzio

Assegno di mantenimento: distinzione tra spese ordinarie e spese straordinarie

In materia di corresponsione dell’assegno di mantenimento per i figli a seguito di una separazione o di un divorzio, si distinguono le spese ordinarie e le spese straordinarie. Per quanto riguarda le spese ordinarie, rientrano quelle attinenti ai bisogni quotidiani: l’acquisto dei libri, le ricariche telefoniche, i medicinali da banco o di uso frequente. Differentemente le spese cosiddette straordinarie, sono costituite dagli esborsi necessari a far fronte ad eventi imprevedibili o eccezionali, ovvero ad esigenze che non rientrano nelle normali consuetudini di vita dei figli; nello specifico possono essere ricomprese i viaggi studio all’estero, visite specialistiche, l’apparecchio ortodontico, le eventuali contravvenzioni dovute alla violazione del codice della strada.

Separati&divorzia